Perché Openmoko è molto di più che un cellulare con Linux!

Openmoko non ha fatto il primo cellulare Linux, la gran parte del codice non è fatta da Openmoko e non è (ancora) un IPhone killer, eppure è sicuramente un progetto importante che lascerà il segno.




Assomiglia più che altro a un Ubuntu per i cellulari e palmari: cioé un disegno complessivo per riutilizzare al meglio il software libero esistente ed estenderlo.

Sistema operativo libero e piattaforma indipendente aperta

Linux é già usato in dispositivi mobili, cellulari, navigatori, a volte l'utente non ne è neanche consapevole e il produttore non è interessato ad eventuali contributi di terze parti.

Openmoko riusa software già esistenti e offre un framework stabile e credibile per applicazioni di terze parti.




Specifiche hardware pubbliche

La lista dei componenti di questo cellulare è pubblica e malgrado Linux funzioni abbastanza bene su molti Pocket PC, si é deciso di creare una piattaforma propria scegliendo le componenti anche in base alla disponibilità del codice sorgente dei driver.



Non si tratta (ancora) di un IPhone killer dal punto di vista hardware: niente multi-touch screen e niente fotocamera, ma chi può dirlo, a ottobre uscirà la nuova versione con accelerazione 3D, accelerometro e GPS.



La piattaforma hardware di Openmoko non è vincolante e anche altre piattaforme sono supportate.

Un esempio su tutti, il Pocket PC HTC Magician ha una CPU da 416Mhz, ma non è più supportato e il sistema operativo è fermo a Windows Mobile 2003.. Se non fosse per Openmoko e il software open source, sarebbe destinato al declino, nonostante le sue caratteristiche hardware.

Nessun vincolo sull'operatore

La libertà si paga. L'IPhone, il GPhone di Google e altri dispositivi, piacciono alle compagnie perché sono vincolati a loro o perché vincolano l'utente a stare perennemente online per utilizzare un'applicazione. Suonerie e servizi inutili piacciono da morire agli operatori telefonici, ma con Openmoko è difficile che uno senta la necessità di utilizzarli.

Quindi difficilmente troveremo questo gioiellino nei negozi, magari con uno sconto degli operatori.

Comunità

Come in tutti i prodotti open e no, la comunità è molto importante per il successo di un prodotto di questo tipo.

Assistenza, applicazioni di terze parti, nuove idee, se visitate il Wiki vi renderete conto che è già molto attiva, anche nelle traduzioni in italiano.

Come Provarlo senza averlo

Se lo volete provare "alla veloce" potete farlo con Qemu. Non è molto veloce perché in questo modo dovete emulare anche l'hw.

Se volete provare a sviluppare per Openmoko oppure provare nativamente le applicazioni (es. x86), partite dai sorgenti e date uno sguardo al Makefile.

Come averlo

Sarà disponibile da ottobre 2007

Ulteriori note personali

Ve lo immaginate quando ci sarà un linguaggio di scripting? La stessa applicazione sul Desktop e sul Mobile senza ricompilare!



(Un'applicazione compilata sul Desktop x86 con e senza tema OpenMoko)

corso javascript